mercoledì 28 agosto 2013

Polpettine di patate e granchio al prezzemolo

Immagine from: Spezie & Erbe - Food Editore 
Ingredienti per 4 persone

  • 700 g di patate
  • 1/2 kg di polpa di granchio
  • 6 cucchiai di olio d'oliva extravergine 
  • 3 spicchi di aglio
  • 1 cipolla bianca
  • 2 uova
  • pangrattato
  • olio di semi per friggere
  • prezzemolo
  • sale e pepe
Procedimento

Fate un soffritto in una casseruola con l'aglio, l'olio d'oliva e la cipolla tritata. Quando saranno imbionditi, aggiungete la polpa di granchio tagliuzzata, 2 cucchiai di prezzemolo tritato, pepe e sale. Amalgamate il tutto e cuocete per 3 minuti. A fuoco spento aggiungete le patate bollite, schiacciate e mescolate bene con un cucchiaio di legno. Fate delle palline con il composto ormai tiepido e passatele nell'uovo e nel pangrattato. Friggetele in abbondante olio caldo fino ad ottenere un colore dorato; scolatele su carta assorbente e salate. Servite le polpettine di granchio ben calde.
Potete accompagnare le polpettine con una salsa al pomodoro piccante.

Vino consigliato: Greco di Tufo.
- Ricetta from: Spezie & Erbe Food Editore -

Consiglio

Per friggere consiglio l'uso dell'olio di semi di arachide o, ancora meglio, l'olio d'oliva. 

Dal punto di vista qualitativo, l'olio di semi di arachidi si pone a metà strada fra l'olio di oliva e gli altri oli di semi (olio di semi di mais, olio di semi di girasole ecc.). L'olio di semi di arachidi, a differenza di molti altri oli di semi, può essere utilizzato per friggere, ma ricordiamo ancora una volta che, contrariamente a una comune credenza, gli oli di semi in genere non sono gli oli più adatti per la frittura; infatti, come più volte abbiamo puntualizzato, la scelta migliore in assoluto per la frittura è quella dell'utilizzo dell'olio extravergine di oliva. L'olio di semi di arachide, vista la discreta presenza di acidi grassi monoinsaturi (un olio è tanto migliore quanto più alta è la sua quantità di acidi grassi monoinsaturi) e il suo punto di fumo non bassissimo (230 °C per l'olio raffinato, 160-180 °C per l'olio non raffinato) può comunque essere preso in considerazione come saltuaria alternativa all'olio extravergine nel caso di ricette che prevedano la frittura dei cibi. - From: www.albanesi.it -

0 commenti:

Posta un commento

 

Mangiaevivibologna Template by Ipietoon Cute Blog Design and Bukit Gambang